Avola

 

13 ottobre 2005, giovedì

 

I volontari di Nuova Acropoli di Avola hanno collaborato all’interno del Centro Operativo Comunale per preparare le esercitazioni.

 

14 ottobre 2005, venerdì

 

Primo Scenario: incidente in galleria.  Il Comandante della Polizia Municipale da ordine di creare i “cancelli” lungo la circonvallazione per bloccare la circolazione. Arriviamo sul luogo dello scenario – qualche decina di metri all’interno del tunnel sulla circonvallazione in direzione Noto. Viene posizionata l’autobotte del Comune di Avola e due autovetture dei nostri volontari. Vengono attribuiti 6 “codici rossi” ad altrettanti politraumatizzati, 2 “codici” verdi”  ed 1 “codice nero” per un ferito rimasto incastrato sotto l’autovettura in fiamme con ustioni di terzo grado.

 

Alle ore 9.30 in punto viene diramato l’allarme. 10 minuti dopo arriva la nostra squadra antincendio e soccorso tecnico dato che viene simulata l’impossibilità ad intervenire dei Vigili del Fuoco impegnati su più fronti in questo sisma. Il caposquadra ed un operatore antincendio indossano gli autorespiratori ad aria ed entrano nel tunnel per una prima valutazione. Subito vengono fatti intervenire altri due operatori antincendio che, con gli estintori, spengono il focolaio scatenatosi durante l’urto delle autovetture. Il caposquadra impartisce l’ordine di messa in sicurezza dell’area e provvede a far passare le ambulanze con le squadre di soccorso sanitario.

 

Arrivano subito due ambulanze di volontari ed una del 118 dell’Ospedale di Avola. Iniziano le operazioni di “triage” per capire la priorità degli interventi. Alle 10.35 tutte le vittime dell’incidente sono già state trasportate e viene dichiarata conclusa l’esercitazione.

 

 

Secondo scenario: intervento antincendio e soccorso tecnico ed evacuazione degli istituti scolastici. I volontari di Nuova Acropoli di Catania e di Avola si recano al Centro Operativo Misto e da qui partono per un’altra esercitazione. Tutte le scuole interessate: “Capuana”, “De Amicis” “G. Bianca effettueranno contemporaneamente l’evacuazione alle ore 12. La nostra squadra antincendio e soccorso tecnico e ispeziona i locali alla ricerca dei feriti e, munita di adeguata attrezzatura si  accerta della stabilità delle strutture e dell’assenza di focolai d’incendio. Qualche minuto dopo, avendo completato il sopralluogo, il caposquadra di Nuova Acropoli è in condizioni di poter dare l’ok e il Comandante della Polizia Municipale può dichiarare concluse positivamente tutte le operazioni di evacuazione.

 

Nel pomeriggio i volontari partecipano al montaggio della tendopoli al campo sportivo che simula l’alloggiamento di un centinaio di sfollati e successivamente si passa  ad allestire due roulotte rispettivamente a sala operativa e segreteria.

Alle ore 19 ci trasferiamo al Centro Operativo Misto per il terzo scenario: recupero e messa in sicurezza di una copia del dipinto “La deposizione di S. Lucia” del Caravaggio sul sagrato della Chiesa dell’Annunziata.

E’ richiesto l’intervento della squadra salvaguardia beni culturali della nostra struttura di Siracusa. Alla presenza dei funzionari della Soprintendenza, delle Forze dell’Ordine e dei funzionari del Centro Operativo Misto il dipinto viene catalogato, fotografato, imballato in più strati con materiali diversi per una perfetta conservazione ed adibito al trasporto che verrà eseguito con la scorta delle forze dell’ordine e consegnato ufficialmente al Centro Operativo Misto, che ne prende in carico la custodia.

 

 

15 ottobre 2005, sabato

 Arriva una nuova richiesta dal Centro Operativo Misto; bisogna allestire un punto di raccolta sangue a seguito della calamità nella principale piazza cittadina. La Misericordia provvede al trasporto di una tenda ministeriale ed in soli 45 minuti montiamo un posto medico avanzato completo di tutto.